Cos’è la riserva ovarica?

Un rapido sguardo alle lezioni di biologia: lo sperma maschile e l’ovulo femminile sono necessari per produrre un bambino. Non appena si trovano e si legano, inizia la gravidanza. Fin qui, tutto chiaro.

Lo sperma dell’uomo si rinnova costantemente, mentre la donna ha a disposizione solo un certo numero di ovuli: la cosiddetta riserva ovarica. Questa riserva si riduce di diverse uova ad ogni periodo mestruale. Si possono consumare da 40 a 1000 follicoli per ciclo. La menopausa si verifica non appena si esaurisce la riserva ovarica.

Come si misura la riserva ovarica?

La riserva ovocitaria mostra quanti ovuli vitali sono attualmente disponibili nelle ovaie della donna. La combinazione di due marcatori fornisce queste informazioni:

1. Il numero di follicoli nell’ecografia

Per determinare il parametro, viene eseguito un sonogramma delle ovaie, noto come conteggio dei follicoli antrali (AFC). Questa procedura viene eseguita all’inizio del ciclo e fornisce informazioni sul numero di follicoli in cui le uova possono successivamente maturare.

Durante l’esame si sommano tutti i follicoli con un diametro compreso tra 2 e 10 mm. Un valore compreso tra 6 e 10 follicoli indica una normale riserva ovarica. D’altra parte, un valore inferiore a sei follicoli indica che la riserva di ovociti è bassa.

2. L’ormone antimulleriano nel sangue

Un altro valore misurato è l’ormone antimulleriano (AMH), di cui ci occuperemo nel prosieguo.

L’ormone antimulleriano

L’AMH ha due funzioni principali:

1. Differenziazione sessuale

L’ormone gioca un ruolo importante nella formazione del sesso degli embrioni. Nei maschi l’ormone viene secreto al fine di impedire la formazione degli organi genitali femminili mediante la regressione dei cosiddetti condotti di Müller. Nelle femmine, al contrario, l’ormone non viene prodotto (almeno nelle prime fasi di vita), permettendo la formazione di utero, tube di Falloppio e vagina.

2. Parametri per la valutazione della riserva ovocitaria

Come già detto, l’ormone antimulleriano è un indicatore del livello di riserva di ovociti nelle ovaie. Si produce nelle cellule granulose e circonda i follicoli in cui maturano le uova.
Così, la concentrazione di AMH corrisponde al numero di follicoli in maturazione e permette di valutare la riserva attuale di cellule uovo. In altre parole, se il livello di AMH è alto, le ovaie hanno un numero sufficiente di ovuli.

Come si misura l’ormone antimulleriano?

Il livello di AMH viene determinato prelevando un campione di sangue. Il costo della visita è compreso tra 30 e 150 euro e può essere coperto da un’assicurazione sanitaria in caso di necessità medica.Tuttavia, è consigliabile prendere accordi con il proprio servizio sanitario.

Per l’ormone antimulleriano valgono i seguenti valori standard: un risultato superiore a 1 ng/ml indica un adeguato apporto ovarico. Un valore inferiore a 1 ng/ml è una chiara indicazione di una ridotta riserva di ovociti e del possibile inizio precoce della menopausa.

L’ormone antimulleriano è anche un buon indicatore della riserva di funzione ovarica perché può essere misurato in qualsiasi momento. I valori rimangono stabili e non sono soggetti a fluttuazioni legate al ciclo.

Tuttavia, i risultati devono sempre essere considerati nel contesto.

In primo luogo, l’età della paziente è decisiva. Lo stesso valore può avere significati diversi in una donna trentenne e in una trentaseienne. D’altra parte, nuovi studi indicano una connessione tra i livelli di AMH e l’uso di contraccettivi. I contraccettivi ormonali possono ridurre il livello dell’ormone antimulleriano fino al 30%.

Ciò significa che un risultato valido può essere determinato solo dopo l’interruzione della pillola. Un test negativo non è comunque ancora motivo di disperazione! Il numero di follicoli e l’ormone antimulleriano forniscono solo informazioni sulla quantità di ovociti rimanenti nella paziente.

Il risultato può quindi essere utilizzato per calcolare un periodo di tempo approssimativo durante il quale la donna potrebbe ancora rimanere incinta. Infatti, la possibilità di una gravidanza dipende ancora più fortemente dalla qualità degli ovuli disponibili, dalla fertilità del partner e da altri fattori.

Pertanto, una donna con una bassa riserva di ovuli può essere fertile e avere più probabilità di rimanere incinta di una paziente con molti ovociti, che non sono però funzionali.

Perché si misura l’ormone antimulleriano?

Oltre a determinare la riserva di uova, l’ormone antimulleriano è utile nella diagnosi di varie malattie:

  • endometriosi
  • menopausa: il valore dell’ AMH è inferiore a 0,4 ng/mL.
  • disturbi del ciclo
  • sindrome dell’ovaio policistico (PCOS)

Un esame dell’ormone antimulleriano è utile anche nelle donne per le quali è prevista la stimolazione ormonale come parte del trattamento di fertilità. Sulla base dei risultati, il dosaggio dei farmaci necessari può essere determinato in modo da ridurre il rischio di sovrastimolazione ormonale.

Quando l’ormone antimulleriano è troppo alto?

Un valore superiore a 5,0 ng/ml indica unlivello elevato dell’ormone antimulleriano nel sangue. Se questo è il caso, si dovrebbe sicuramente effettuare un esame dettagliato. La causa di un valore diAMH troppo elevato potrebbe essere la sindrome dell’ovaio policistico, in cui le ovaie della persona affetta sono circondate da molte piccole cisti (o follicoli non completamente maturi). Purtroppo, a tutt’oggi non esiste una cura per questa malattia, che può portare all’infertilità.

L’ormone anti-Müller è troppo basso: cosa si può fare?

Purtroppo non esistono farmaci o interventi medici che possano impedire la riduzione della riserva di ovociti nel corpo. Indipendentemente dal numero di gravidanze o dai metodi contraccettivi utilizzati, la riserva diminuisce con l’invecchiamento della donna. Tuttavia, non sono solo le donne in età avanzata ad esserne colpite. In alcuni casi, la riserva di ovociti può anche diminuire drasticamente in giovane età.

Fattori come lo stile di vita, le malattie o la predisposizione genetica possono influire su questo. Ad esempio, per chi fuma, la probabilità di ottenere una gravidanza diminuisce del 4% all’anno. La quantità di nicotina non ha un ruolo in questo; piuttosto, ogni singola sigaretta contribuisce al problema. In questo senso: chi si sforza per realizzare il proprio desiderio di avere figli dovrebbe smettere completamente di fumare.

Un altro consiglio per chi vuole avere figli è di assicurarsi di mantenere uno stile di vita sano. Studi scientifici dimostrano che essere in sovrappeso riduce la probabilità di una gravidanza naturale almeno quanto il fumo. Sebbene queste misure non aumentino la riserva di ovuli, lo stile di vita può influire sulla rapidità con cui essa si esaurisce.

Se la gravidanza non è desiderata o possibile in un determinato momento, caratterizzato da buoni livelli di AMH, i medici raccomandano la cosiddetta crioconservazione – congelamento degli ovociti (social freezing).

Esistono anche diverse potenziali terapie, come l’assunzione di DHEA-5 (deidroepiandrosterone), ma il loro effetto non è stato ancora sufficientemente testato e provato. Per non danneggiare il proprio corpo o per non perdere prematuramente la speranza, si consiglia di consultare il proprio medico curante. Questi vi aiuterà a trovare l’approccio migliore per il vostro caso specifico.

Ulteriori informazioni

Se desiderate consigli su possibili trattamenti e centri di fertilità, potete utilizzare il modulo sottostante per fissare un appuntamento per un incontro informativo. La consultazione è gratuita e senza impegno.

Qui potete saperne di più sulle possibilità di inseminazione artificiale in Germania, Repubblica Ceca o Spagna.

Il nostro processo

  • Rispondi alle prime domande nel form online per prenotare un appuntamento. In questo modo possiamo rispondere meglio alle tue esigenze in conversazione.

  • Troveremo il miglior referente per il tuo caso specifico. Concedi 20 minuti per la consultazione.

  • Ti presenteremo il centro di fertilità che fa per te dalla nostra rete, prenderemo un appuntamento e ti accompagneremo fino a quando non avrai esaudito il tuo desiderio di avere figli.

Parla con noi