Ali­ce Tri­pe­pi

Endo­me­trio­si e infer­ti­li­tà

Cos’è l’en­do­me­trio­si?

L’en­do­me­trio­si è una malat­tia il cui nome deri­va da “endo­me­tri­um”, il ter­mi­ne med­i­co per indi­ca­re il muco cer­vi­ca­le. Nel­le don­ne col­pi­te, le pro­li­fe­ra­zio­ni benig­ne, spes­so mol­to dolo­ro­se, si veri­fi­ca­no al di fuo­ri del­l’u­te­ro, per esem­pio nel­l’­ad­do­me, nel­l’in­tes­ti­no o nel­le ovaie. Quan­do il rive­s­ti­men­to ute­ri­no si accu­mu­la a cau­sa del ciclo mes­trua­le, anche il tes­s­u­to spar­so è attivo. [1]

 

Endo­me­trio­si: cau­se

I ricer­ca­to­ri del­l’o­s­pe­da­le Cha­ri­té di Ber­li­no han­no potu­to dimostra­re l’in­te­ra­zio­ne del­l’en­do­me­trio con le fib­re ner­vo­se [2]. L’autri­ce del­la ricer­ca, Sil­via Mechs­ner, par­la di “mini ute­ri”, che for­ma­no fib­re mus­co­la­ri, cel­lu­le ner­vo­se e ghiandole[3].

Pre­ve­ni­re l’en­do­me­trio­si

Secon­do uno stu­dio, una die­ta sana ed equi­li­bra­ta con mol­te ver­du­re, pro­dot­ti inte­gra­li, gras­si buo­ni e car­ne bian­ca aiu­ta a ridur­re il rischio di endometriosi.Sono par­ti­cola­rmen­te con­siglia­te le ver­du­re ver­di e la frut­ta. Inve­ce, il con­su­mo di car­ne ros­sa ha un effet­to nega­tivo sul rischio di endo­me­trio­si. [4]

 

Sin­to­mi del­l’en­do­me­trio­si

L’en­do­me­trio­si cau­sa dolo­re cro­ni­co

Dolo­re mes­trua­le, che può esse­re così gra­ve da met­te­re let­te­ralm­en­te fuo­ri com­bat­ti­men­to le per­so­ne col­pi­te, dis­tur­bi quan­do si va in bag­no o duran­te il ses­so: i sin­to­mi del­l’en­do­me­trio­si sono mol­to comp­les­si. Mol­te don­ne cerca­no di veni­re a pat­ti con il loro dolo­re cro­ni­co sen­za pensa­re a una malat­tia. Ques­to è anche il motivo per cui ci vogli­o­no in media dai sei agli otto anni pri­ma che i sin­to­mi porti­no al rico­no­sci­men­to del­la malat­tia. [5]

Sin­to­mi tipi­ci del­l’en­do­me­trio­si

  • Gra­vi dolo­ri mes­trua­li
  • Dolo­re addo­mi­na­le cro­ni­co (dipen­den­te dal ciclo e non)
  • Dolo­re quan­do si va al bag­no
  • Pesan­te emor­ra­gia mes­trua­le
  • Dolo­re duran­te il rap­por­to ses­sua­le

Dal 40 al 60% del­le don­ne che sono invo­lon­ta­ria­men­te sen­za fig­li ne sof­fro­no.

A cau­sa di ques­ti vari sin­to­mi, la malat­tia vie­ne spes­so dia­gnosti­ca­ta solo nel con­tes­to di un desi­de­rio ins­od­disfat­to di mater­ni­tà: dal 40 al 60% del­le don­ne che sono invo­lon­ta­ria­men­te sen­za fig­li ne sono amma­la­te. [4]

L’ endo­me­trio­si non solo può causa­re dolo­re gra­ve, ma può anche rappre­sen­ta­re una cau­sa di ste­ri­li­tà. Ad esem­pio, il pro­ces­so di fer­ti­liz­za­zio­ne e di impia­n­to può esse­re bloc­ca­to dal­le tube di Fallop­pio bloc­ca­te o dan­n­eg­gia­te. Una capa­ci­tà cont­rat­ti­le sub-otti­ma­le del­l’u­te­ro ha anche un effet­to nega­tivo sul movi­men­to del­lo sper­ma. Anche lo stra­to mus­co­la­re responsa­bi­le del tras­fe­ri­men­to del­lo sper­ma vie­ne distrut­to dai foco­lai di tes­s­uti.

 

 

Trat­ta­men­to del­l’en­do­me­trio­si medi­an­te chir­ur­gia

Non tut­te le don­ne affet­te da ques­ta malat­tia sof­fro­no di una con­di­zio­ne che richie­de una ter­a­pia. Tut­ta­via, la metà del­le pazi­en­ti col­pi­te deve esse­re met­te­re in con­to di dover­si sot­to­por­re ad un trat­ta­men­to per­ma­nen­te o dura­turo, alme­no fino all’in­sor­gen­za del­la meno­pau­sa, che di soli­to por­ta alla com­ple­ta regres­sio­ne dei sin­to­mi. [5] Le don­ne che sos­pet­ta­no l’en­do­me­trio­si a cau­sa dei loro sin­to­mi devo­no con­sul­t­a­re un gineco­lo­go il più pres­to pos­si­bi­le.

Un test per valut­are i sin­to­mi può for­ni­re le prime indi­ca­zio­ni. Tut­ta­via, la dia­gno­si può esse­re con­fer­ma­ta solo in modo inva­si­vo, per mez­zo di una laparo­scopia. In ques­to modo ven­go­no rimos­si anche i foco­lai di tes­s­u­to.

Tut­ta­via, la chir­ur­gia del­l’en­do­me­trio­si non semp­re for­nis­ce un sol­lie­vo per­ma­nen­te dai sin­to­mi: il rischio di rica­du­ta è del 30% ent­ro cin­que anni, pur­ché le ovaie sia­no fun­zio­na­li. In caso con­tra­rio, il rischio sale all’80% ent­ro tre o cin­que anni. [6]

Ter­a­pia ormo­na­le per l’en­do­me­trio­si: sod­dis­fa­re il desi­de­rio di ave­re fig­li, dopo tut­to

Se la chir­ur­gia del­l’en­do­me­trio­si è segui­ta da tre-sei mesi di ter­a­pia ormo­na­le, i dis­tur­bi sog­get­ti­vi posso­no migliora­re e il tem­po fino alla nuo­va insor­gen­za del­le lesio­ni tis­suta­li può esse­re este­so. Inolt­re, è sta­to regis­tra­to un aum­en­to del tas­so di gra­vi­d­an­za con la com­bi­na­zio­ne di chir­ur­gia inva­si­va e ter­a­pia ormo­na­le. [7]

Lot­ta atti­va con­tro l’en­do­me­trio­si: affron­ta­re il dolo­re fisi­co

Le pazi­en­ti con dia­gno­si di endo­me­trio­si spes­so si sen­to­no impo­ten­ti di fron­te alla loro malat­tia. Uno sti­le di vita cons­ape­vo­le e attivo le aiu­ta ad ela­bo­ra­re meglio il dolo­re e ad aumen­ta­re la loro qua­li­tà di vita.

Lascia­tevi ispi­ra­re dai seguen­ti sug­ge­ri­men­ti:

  • Tiene­re un dia­rio del dolo­re
  • Pra­ti­ca­re tan­to eser­ci­zio fisi­co e nuo­vi sport
  • Impara­re le tec­ni­che di rilas­sa­men­to
  • Pro­va­re meto­di di gua­ri­gio­ne alter­na­ti­vi (ad esem­pio l’a­g­opun­tu­ra)
  • Inte­ra­zio­ne aper­ta in famiglia
  • Scam­bio in grup­pi di sosteg­no per l’ar­go­men­to

Rica­pi­to­li­a­mo: div­en­ta­re atti­vi per aumen­ta­re laqua­li­tà del­la vita e sod­dis­fa­re il desi­de­rio di ave­re fig­li

L’en­do­me­trio­si è una malat­tia incura­bi­le, ma benigna e con­trol­la­bi­le.

Secon­do i risul­ta­ti sci­en­ti­fi­ci, una die­ta sana aiu­ta a ridur­re il rischio di endo­me­trio­si. Se ci sono avver­ti­men­ti, si dov­reb­be pre­sen­ta­re il sos­pet­to ad un gineco­lo­go il più pres­to pos­si­bi­le.

Il trat­ta­men­to dov­reb­be esse­re ese­gui­to da un esper­to che si occup­erà di adatta­re la ter­a­pia ai sin­go­li sin­to­mi e in rela­zio­ne ad un even­tua­le desi­de­rio di ave­re fig­li.

La com­bi­na­zio­ne del­la chir­ur­gia del­l’en­do­me­trio­si e del­la ter­a­pia ormo­na­le si è dimostra­ta pro­met­ten­te in ter­mi­ni di migliora­men­to del­la fer­ti­li­tà.

Uno sti­le di vita attivo e il più sano pos­si­bi­le, olt­re a un approc­cio aper­to, aiu­ta anche le don­ne col­pi­te ad alle­vi­a­re i sin­to­mi e ad otte­ne­re una miglio­re qua­li­tà di vita.

Come aiuti­amo

In Fer­til­ly, abbia­mo deci­so di sos­tene­re le cop­pie (omo­ses­sua­li ed ete­ro­ses­sua­li) e i sin­gle nel loro per­cor­so per sod­dis­fa­re il loro desi­de­rio di ave­re fig­li. Per noi è importan­te crea­re tras­pa­ren­za nel­l’area del­le offer­te sul tema del­la fer­ti­li­tà, tras­met­te­re infor­ma­zio­ni e cono­s­cen­ze sui temi del­la gra­vi­d­an­za e del­la fer­ti­li­tà e aiut­a­re te e te a tro­va­re la cli­ni­ca del­la fer­ti­li­tà più adat­ta. Gra­zie alla col­la­bo­ra­zio­ne con cen­tri di fer­ti­li­tà di pri­m’or­di­ne in Ger­ma­nia e all’es­te­ro, le doman­de su Fer­til­ly rice­vo­no un trat­ta­men­to pre­fe­ren­zia­le. In ques­to modo i nos­tri pazi­en­ti evi­ta­no i tem­pi di attesa soli­tamen­te lunghi e rag­gi­ungo­no più velo­ce­men­te la loro desti­na­zio­ne.

Se desi­de­ri saper­ne di più su cli­ni­che, tas­si di suc­ces­so e prez­zi, ti preghia­mo di con­tatt­ar­ci uti­liz­zan­do ques­to ques­tio­na­rio. Ti con­sigli­a­mo gra­tui­tamen­te e sen­za impeg­no.

Il nos­tro pro­ces­so

  • Ris­pon­di alle prime doman­de nel form online per pre­no­ta­re un app­un­ta­men­to. In ques­to modo pos­sia­mo ris­pon­de­re meglio alle tue esi­gen­ze in con­ver­sa­zio­ne.

  • Tro­ver­emo il migli­or refe­ren­te per il tuo caso spe­ci­fi­co. Con­ce­di 20 minu­ti per la con­sul­ta­zio­ne.

  • Ti pre­sen­te­remo il cen­tro di fer­ti­li­tà che fa per te dal­la nos­tra rete, pren­de­re­mo un app­un­ta­men­to e ti accom­pa­gne­remo fino a quan­do non avrai esau­di­to il tuo desi­de­rio di ave­re fig­li.

Par­la con noi

Fon­ti:

1.https://www.endometriosevereinigung.de/files/endometriose/infomaterial/Broschuere%20Mit%20Endometriose%20leben%202017.pdfhttps://www.frauengesundheitsportal.de/themen/endometriose/page/4/
2. Bar­ce­na de Arel­la­no M.L., Arnold J., Ver­cel­li­no F., Chi­an­te­ra V., Schnei­der A., Mechs­ner S. (2011): Over­ex­pres­si­on of the ner­ve growth­fac­tor (NGF) in peri­to­ne­al flu­id from women with endo­me­trio­sis may pro­mo­te­neu­ri­te out­growth in endo­me­trio­tic lesi­ons. In: Fer­til Ste­ril, Jg 95 H 3,S.1123–1126
3. https://www.zeit.de/2017/41/endometriose-gynaekologie-frauen-krankheit/seite‑2
4. Parazzi­ni Fet al: Selec­ted food inta­ke and risk of endo­me­trio­sis. Hum­Re­prod 2004; 19(8): 1755–1759
5. https://www.pharmazeutische-zeitung.de/ausgabe-182007/endometriose-ein-hartnaeckiges-frauenleiden/
6. ebd.
7. ebd.
8. https://www.kbv.de/html/10590.php