Definizione

Che cos’è il Social Freezing?

Il Social Freezing, chiamato anche crioconservazione in gergo medico, descrive il processo precauzionale per ottenere e quindi congelare ovociti non fecondati senza necessità medica. Con questo metodo, le donne possono prevenire la loro perdita di fertilità legata all’età e soddisfare il loro desiderio di avere figli in un secondo momento “scongelando” nuovamente gli ovociti.

Procedura

Come funziona il Social Freezing?

Il processo di social freezing di solito inizia con la prima conversazione in una clinica per la fertilità. Verranno quindi effettuate le visite mediche preliminari in loco. Dopo la stimolazione ormonale, durante la crioconservazione, ovvero la procedura vera e propria, diversi ovociti vengono rimossi, congelati (vetrificati) e possono quindi essere conservati in laboratorio per un tempo molto lungo.

Passo 1: Esame preliminare

Dopo un colloquio preliminare dettagliato con specialisti, ad es. medicina riproduttiva o medici della fertilità, il passo successivo è una visita medica preliminare che utilizza i valori del sangue (equilibrio ormonale) e gli ultrasuoni. Il medico verifica se sono soddisfatti i requisiti necessari per il social freezing (probabilità di successo / possibilità) e ti informa sui possibili rischi del trattamento. Ulteriori ambiguità e lacune informative possono essere chiarite in anticipo dallo specialista.

Passo 2: Preparazione per la stimolazione ormonale

Se si soddisfano tutti i requisiti dopo gli esami preliminari, verrà fissato un orario per l’inizio della stimolazione. Il piano sia per la durata che per il dosaggio durante la stimolazione ormonale delle ovaie viene redatto in anticipo insieme al medico. Poiché il farmaco corrispondente è disponibile solo su prescrizione medica, riceverai una prescrizione medica con istruzioni professionali. Concedere tempo sufficiente per ricevere i farmaci (di solito siringhe) in modo da poter iniziare in tempo, poiché potrebbe essere necessario ordinarli dall’estero.

Passo 3: Stimolazione ormonale

Iniettare la preparazione ormonale prescritta a casa entro un certo periodo di tempo, che spesso dura tra 10-14 giorni. La stimolazione ormonale ha lo scopo di garantire che il maggior numero possibile di ovociti maturi prima di essere rimossi. Per seguire la crescita dei follicoli e tenere d’occhio il livello ormonale, vengono effettuati regolari controlli tramite ecografia e prelievi di sangue. Può anche essere utilizzato per determinare se il dosaggio deve essere modificato e quando è il momento perfetto per raccogliere gli ovociti maturati. Dopo questa determinazione, viene iniettato una volta un ormone (“colpo di attivazione”), che dovrebbe innescare l’ovulazione.Una volta che l’ovulazione è stata attivata con successo, il medico curante può iniziare con l’estrazione.

Passo 4: Rimozione delle cellule uovo

Per rimuovere gli ovociti maturati, devi recarti presso la clinica della fertilità che ti accompagna (di solito un giorno) dopo l’ultima iniezione. Verrai nuovamente esaminato in loco e informato sui passaggi successivi. Dopo un consulto medico, verrai quindi portato in una sala operatoria dove verrà effettuato il prelievo in anestesia a breve termine. La procedura è di solito minore e dura solo circa 15-30 minuti.Durante questo periodo, il medico rimuove i follicoli dalle ovaie mediante una cosiddetta “puntura follicolare vaginale”.Follicoli, che nella migliore delle ipotesi contengono tutti un ovulo maturo , vengono tirati attraverso un ago molto sottile Dopo questo breve processo, verrai portato in una stanza tranquilla dove ti sveglierai, dove potrai riposare finché non potrai tornare a casa. Per la tua sicurezza, devi essere consapevole del (se anche breve) l’anestesia generale può essere prelevata da una persona a vostra scelta.

Passo 5: Congelamento (vetrificazione) degli ovociti

Dopo che i follicoli sono stati rimossi, un biologo specializzato esamina quanti di essi contengono un uovo maturo. Gli ovociti adatti vengono quindi congelati in pochi secondi a -196 ° C (“congelamento shock”). Questa procedura è anche nota dal punto di vista medico come “vetrificazione”. Questo metodo offre molti vantaggi perché, da un lato, non danneggia le cellule e, dall’altro, ha un “tasso di scongelamento” molto elevato, quasi privo di rischi (98%).

Passo 6: Conservazione degli ovociti

La cosa buona è che puoi conservare i tuoi ovuli vetrificati in modo sicuro per diversi anni e persino decenni. Maggiore è il numero di ovociti immagazzinati, maggiore è la possibilità di gravidanza in un secondo momento e quindi la realizzazione del tuo desiderio personale di avere figli.
Quando sarà il momento giusto per te, le uova verranno nuovamente scongelate e potranno essere fecondate.

Tassi di successo

Quali sono le possibilità di successo?

Sia la quantità che la qualità degli ovociti non si sviluppano linearmente con l’età. Per comprendere meglio le possibilità di successo nel social congelamento, vale la pena di guardare indietro alla procedura: dopo la stimolazione ormonale delle ovaie, le cellule uovo vengono rimosse e poi al min.Ci sono due primi passi in questo processo, che sono la Determinazione della successiva probabilità di successo di una gravidanza da ovociti crioconservati: 1. La rimozione e 2. Il congelamento degli ovociti.

Età

Uno dei più importanti fattori di successo statistico è l’età del paziente al momento del prelievo dell’uovo. Ciò è dovuto al fatto che la qualità delle uova diminuisce con l’aumentare dell’età – dal punto di vista medico si dice che l’”euploidia degli organismi cellulari” diminuisce.

Inoltre, la riserva naturale di ovociti diminuisce con l’aumentare dell’età, motivo per cui sono necessari più cicli per ottenere lo stesso numero di ovociti. Un’età critica per quanto riguarda la riserva di ovuli si osserva spesso intorno ai 35 anni, poiché da qui in poi il tasso di natalità dal vivo diminuisce in modo sproporzionato. In genere si consiglia di rimuovere almeno 10-20 ovociti per il congelamento sociale. Secondo uno studio del 2017 su 520 cicli ICSI, le donne di 34, 37 e 42 anni con 20 ovuli congelati hanno rispettivamente il 90%, 75% e 37% di probabilità di almeno un parto vivo. Una donna di 20 anni ha una probabilità del 94% con 20 ovuli congelati.

Numero di nascite desiderato

Si può anche considerare il caso in cui i pazienti desiderano nascite multiple basate sugli ovociti congelati. Supponendo di nuovo 20 ovuli congelati, una donna di 34 anni ha una probabilità del 66% di almeno 2 nati vivi. Per una donna di 42 anni, invece, la probabilità è solo del 7%.

Se si vogliono ottenere almeno 3 nati vivi, la probabilità della donna di 34 anni scende al 38%; la probabilità dei 42enni è di circa l’1%.

Nel complesso, esiste una chiara connessione tra l’età in cui sono stati rimossi gli ovociti e la probabilità di successo di una gravidanza successiva da social congelamento. Va ovviamente notato che si tratta di valori medi statistici che in pratica variano individualmente da persona a persona. Allo stesso modo, indipendentemente dall’età, non vi è alcuna garanzia di successo per una gravidanza successiva nel congelamento sociale.

Metodo

Ci sono anche altre differenze nelle percentuali di successo dovute al metodo di congelamento degli ovuli. Si fa qui una distinzione tra il cosiddetto “congelamento lento” e la vetrificazione. I due metodi dipendono principalmente dalla velocità con cui vengono congelati gli ovociti.

Con il congelamento lento, gli ovociti rimossi vengono raffreddati di circa 2 – 3 gradi Celsius al minuto per un periodo di tempo più lungo fino a raggiungere i meno 196 gradi Celsius richiesti. Questa bassa temperatura finale è necessaria per fermare i processi biologici negli ovociti e per consentire una lunga conservazione senza perdita di qualità.

La vetrificazione (chiamata anche “congelamento flash”) comporta l’immersione degli ovociti in azoto liquido, che consente loro di congelarsi in pochi minuti. Quando si tratta di congelare gli ovociti, la velocità è un fattore di successo cruciale: gli ovociti sono costituiti in gran parte da acqua, motivo per cui è importante evitare che il liquido si cristallizzi durante il congelamento. Di conseguenza, la vetrificazione è chiaramente il metodo più promettente (circa il 92% degli ovociti sopravvive), motivo per cui è stato ampiamente accettato negli ultimi anni.

Sommario

In sintesi, l’età della donna, che idealmente è inferiore ai 35 anni, in combinazione con il metodo di congelamento (vetrificazione) sono fattori decisivi per aumentare le probabilità di successo in una gravidanza successiva attraverso il congelamento sociale.

Uso

Uso delle cellule uovo

Potete decidere voi se e quando volete scongelare gli ovociti per l’uso. Se non potete rimanere incinte in modo naturale, è possibile ricorrere alla fecondazione assistita tramite FIVET o ICSI. Si tratta di fecondare gli ovuli scongelati con lo sperma dell’uomo in laboratorio. L’embrione fecondato viene poi inserito nell’utero.

Rischi

Quali sono i rischi del social freezing?

Il social freezing è associato a pochi rischi ed è piuttosto innocuo. Oltre all’aumentata probabilità di gravidanze multiple nel caso delle inseminazioni artificiali, esistono ancora possibili complicazioni che la gravidanza può portare con sé in età avanzata: aumento della suscettibilità al diabete gestazionale o all’ipertensione.

Allo stesso tempo, con una gravidanza conseguente al social freezing, alcuni rischi vengono eliminati o minimizzati se gli ovociti sono stati crioconservati in giovane età: malformazioni genetiche o alto rischio di aborto spontaneo dovuto all’età.

Ragioni e accettazione

Motivi per il Social Freezing

Quando aziende americane come Facebook e Google hanno annunciato nel maggio 2014 che avrebbero pagato per i trattamenti di social freezing dei loro dipendenti, ha fatto grandi ondate in Germania. Fu l’inizio di un dibattito sociale: fino a che punto le giovani donne dovrebbero essere incoraggiate a mettere le loro carriere prima della pianificazione familiare e fino a che punto dovrebbero essere fornite le cure mediche?

Sebbene ci sia stata molta attenzione da parte dei media sull’argomento, la maggior parte dei contributi non è riuscita a trasmettere la vera verità con la loro tesi centrale: il social freezing è principalmente qualcosa per le donne orientate alla carriera. In uno studio del 2013, è stato chiesto alle donne perché avevano congelato i loro ovuli (erano possibili risposte multiple). Contrariamente all’assunto comune che il social freezing sia perseguito principalmente per motivi di carriera, solo il 24% degli intervistati ha addotto tale motivazione. Una percentuale significativamente maggiore degli intervistati, vale a dire l’88%, ha dichiarato di non avere ancora un partner adatto per avere figli. Il 15% ha dichiarato ragioni finanziarie o un onere troppo elevato per rimandare il desiderio di avere figli.

Viene spesso trascurata anche un’altra motivazione per il social freezing: in alcuni casi, i malati di cancro fanno congelare gli ovociti prima della chemioterapia in modo che possano essere fecondati se in seguito vorranno avere figli. Questa variante è anche conosciuta come congelamento medico.